Ritorna

Gli effetti dell'ADHD sul funzionamento scolastico e famigliare

A scuola, certamente il bambino può incontrare delle difficoltà scolastiche perché non ascolta quello che dice il docente, soprattutto quando è in gruppo e perché viene distratto da tutto ciò che lo circonda. Fa degli errori di disattenzione o di impulsività e perde punti pur conoscendo le regole. Non riesce a finire i compiti, le schede e le verifiche, ottiene delle note incomplete o spesso insufficienti e può capitare che ripeta l'anno. Spesso presenta delle difficoltà di comportamento, per esempio va in collera, cambia umore rapidamente e presenta delle reazioni esagerate davanti alla frustrazione. Presenta un'agitazione esagerata che disorganizza facilmente il gruppo. Sembra non ubbidire alle consegne, e non rispettare le esigenze del docente.
Le sue difficoltà rischiano di provocargli dei problemi di relazione con i coetanei: il bambino è spesso immaturo, manca di abilità sociali, tiene conto troppo poco delle reazioni dei suoi compagni, è troppo distratto per seguire le regole di un gioco in gruppo o disturba gli altri bambini, non sembra essere accettato dal gruppo, è uno degli ultimi a essere scelto per costituire le squadre, ha pochi amici e non sa come farne di nuovi.
In famiglia, è spesso poco autonomo per le routines del mattino, ciò che provoca delle vive reazioni dei genitori per farlo sbrigare e arrivare in orario a scuola. Le relazioni con fratelli e sorelle sono tese, a volte esplosive. Il momento dei compiti può essere un calvario per i genitori, già sotto tensione a causa dei risultati scolastici. Possono sentirsi incompetenti o scoraggiati, e abbandonano a volte il loro ruolo di educatori per avere un po' di pace.
L'impatto del ADHD è ancora più importante quando il disturbo non è stato diagnosticato. La responsabilità dei comportamenti problematici sarà allora attribuita al bambino, di cui si dirà che è pigro, testardo, fra le nuvole. Il bambino rischierà di sviluppare una mancanza di stima di sé perché si sentirà impotente e incapace di rispondere alle attese dei docenti o dei genitori. Si penserà che i genitori non hanno autorità sul loro bambino, che non sono in grado di applicare i principi di una sana educazione, e ciò li metterà sulla difensiva quando riceveranno dei commenti negativi da parte della scuola.
È quindi primordiale capire che un bambino con un ADHD ha dei reali limiti, che costituiscono per lui un handicap vero e proprio. Solo degli interventi e delle misure adatte al suo stato e ai suoi bisogni sono suscettibili di aiutarlo e facilitare per tutti la sua integrazione nell'ambiente scolastico.

Centro ergoterapia pediatrica, Bellinzona

Centro Ergoterapia Pediatrica (CEP)

info@ergoterapiapediatrica.ch
www.ergoterapiapediatrica.ch

CEP Bellinzona

Via G. Nizzola 7
6500 Bellinzona

Tel. +41 91 825 24 42

CEP Acquarossa

Casa ai Portici
6716 Comprovasco

Tel. +41 91 871 12 17

Torna su